Panoramic view of Carrara's marble quarries in Tuscany, Italy
Cerca
Check in
Check out

Camera 1

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 2

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 3

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 4

- +
- +

A/R Solo andata
Adulti
(12+)
Bambini
(2-11)
Neonati
(0-23m)
Andata il
Ritorno il
Partenza
Ritorno

Camera 1

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 2

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 3

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 4

- +
- +

Lunigiana & Alpi Apuane

Come arrivare

In aereo

L’aeroporto più vicino è l’aeroporto internazionale Galileo Galilei di Pisa (PSA), servito sia da compagnie di bandiera sia da low cost (Alitalia, Ryanair, easyJet).

In treno

Da nord è possibile arrivare a Pontremoli e Aulla con il treno Milano-Livorno, oppure cambiare a Parma e prendere la linea La Spezia-Parma.

In auto

Da nord prendere l’A1 fino a Parma e proseguire sull’autostrada A15 Parma-La Spezia. Il primo casello che si incontra è Pontremoli e poi Aulla, fino ad arrivare a Santo Stefano Magra e Sarzana. È anche possibile percorrere la A7 Milano-Genova e collegarsi con la A12 Genova-Livorno. Da Sud la Lunigiana è raggiungibile attraverso l’A1, fino a Firenze e poi con la Firenze-Mare A11, oppure la Livorno-Genova A12 collegandosi con l’A15.

Come muoversi

In auto

È consigliato il noleggio di un’auto per girare in autonomia nei paesi della Lunigiana.

In autobus

CTT Nord gestisce il servizio di trasporto pubblico urbano ed extraurbano. Collega tutti i comuni della Lunigiana con Massa-Carrara: Aulla – Bagnone – Casola – Comano – Filattiera – Fivizzano – Fosdinovo – Licciana Nardi – Mulazzo – Podenzana – Pontremoli – Tresana – Villafranca in Lunigiana e Zeri.

Periodo consigliato

Primavera / Autunno

Sono le stagioni migliori per il trekking alla scoperta delle meraviglie della natura. In autunno preparatevi alle scorpacciate di castagne e funghi magari raccolti da voi!

Estate

Un viaggio alla scoperta dei borghi che d’estate si accendono di eventi e feste da non perdere.

Inverno

È il momento adatto se volete provare l’emozione di sciare sulle Alpi Apuane guardando il mare. Se non siete sportivi non temete, potrete girare tra i mercatini natalizi e ammirare i bellissimi presepi.

Cosa mettere in valigia

Dipende ovviamente dalla stagione in cui decidete di fare il vostro viaggio. Se partite in inverno attrezzatevi perché potreste trovare la neve. Il resto dell’anno il clima non è mai troppo rigido grazie alle influenze del mare, ma delle comode scarpe da trekking potrebbero servirvi in ogni stagione. Il consiglio è di lasciare un angolino libero per fare scorta di souvenir enogastronomici, come il miele della Lunigiana Dop, i testaroli e il lardo di Colonnata.

Budget

Dormire

In Lunigiana spenderete dai 50€ a notte in b&b ai 90€ in albergo 3 stelle.

Dormire in un rifugio sulle Alpi Apuane costa circa 70€ a notte in doppia.

Dormire a Carrara costa in media 60€ in b&b fino a 140€ in hotel 4 stelle.

Mangiare

Per mangiare in una tipica osteria si spendono in media tra i 20€ e i 30€. Per un panino con lardo di Colonnata, accompagnato da un bicchiere di vino, spenderete circa 4€.

Muoversi

Un biglietto CTT per una corsa urbana costa 1,20€; il biglietto giornaliero 4,40€.

Per il servizio extraurbano i prezzi variano da 1,50€ a 4,70€ in base ai km da percorrere.

Piatti tipici

La torta d’erbi della Lunigiana: è una gustosa torta salata fatta con verdure di stagione ed erbe spontanee (ortiche, finocchi, cicoria), raccolte tradizionalmente dalle donne.

Testaroli: il nome deriva dalla parola “testo”, il contenitore in ghisa che un tempo era in argilla nel quale avviene la prima fase della cottura. Si tratta di un tipo di pasta a base di farina di grano che, essendo porosa, assorbe il condimento rendendo il piatto una festa per i vostri palati.

Lasagne bastarde: “bastarde” perché vengono utilizzati due tipi di farina, infatti l’impasto è composto da farina di castagne e farina bianca. È uno dei tanti e squisiti piatti della zona derivati dalle castagne.

Curiosità

Una leggenda narra che quando Michelangelo passava da Colonnata per scegliere i blocchi di marmo per le sue sculture, facesse scorta del delizioso lardo di cui andava ghiotto. Il lardo di Colonnata è anche definito come “cibo dei cavatori” perché proprio i cavatori di marmo, impegnati a quasi 2000 metri avevano bisogno di un cibo che fosse nutriente e facile da trasportare. Ma non finisce qui, c’è chi invece lo ricorda come “cibo degli anarchici” perché, dopo i moti della Lunigiana del 1894, i rifugiati tra le montagne sopravvissero grazie al grasso di maiale conservato sotto sale.

le dieci ragioni per visitare Lunigiana & Alpi Apuane

Centro storico di Pontremoli
1

Visitare il castello del Piagnaro e il Museo delle Statue Stele a Pontremoli

monte corchia
2

Attraversare le grotte del sistema carsico più vasto d’Italia sul Monte Corchia

3

Percorrere a piedi, a cavallo o in bici, i bellissimi sentieri nel Parco delle Alpi Apuane

Il famoso lardo di Colonnata
4

Assaporare il famoso lardo nel paesino incantato di Colonnata

Fivizzano, la
5

Scoprire il fascino di Fivizzano, considerato la Firenze di Lunigiana

Comprensorio sciistico Zum Zero
6

Sciare alla stazione Zum Zeri dove nelle giornate limpide ammirerete il mar Tirreno e il mar Ligure

Il marmo di Carrara
7

Visitare i tre bacini marmiferi delle cave del pregiato marmo di Carrara

8

Passeggiata serale al centro di Carrara in Piazza Alberica, elegante e suggestiva con uno scorcio sulle Alpi Apuane

fosdinovo castello di malaspina
9

Fare una visita al Castello Malaspina a Fosdinovo, una delle fortezze più affascinanti della Lunigiana

Credits to Wikimedia
spiaggia sabbiosa massa marina lunigiana
10

Passeggiare lungo la spiaggia sabbiosa tra la Marina di Carrara e la Marina di Massa

Credits to Wikimedia

Ti potrebbero piacere

Si è verificato un errore.
Se vuoi, puoi provare nuovamente.